Join the Community:
  • tweetter
  • mail

Tools & Resources



Adelaide Alice Anna Campagnoli born 1973
Document
Mario Venturini
Original languages and so the indigenous dialects are idioms of aboriginal peoples, who own an ancestral territory since the origin of the territory: they are not a minority (with an alien language) but an ancient nation with the language of own territory. Here the “romance” original languages (not neolatine) again in use on Alpine hinterland [...]
Document
Mario Venturini
Nel diagramma sono catalogate le prime e più antiche configurazioni del Calendario Campestre come sono rintracciabili nell’edificio matematico di oggi, ma si tenga presente che anche la più antica deve sempre nascere da abitudine o tradizione consolidata, quindi da una necessità di migliorare il modo di contare il Tempo, migliorare il lavoro e migliorare la [...]
architect Gio Ponti atop of a just completed skyscraper in 1959
Document
Mario Venturini
Diagramma delle tre stagioni primordiali associate ai sei mesi di 57 giorni tra i due solstizii, migliorando le tre stagioni precedenti, oppure adeguandole a nuove esigenze: a questa Data sicuramente antichissima sono già in uso i principali Totem segnaposto che identificano il minimo e il massimo àzimut al solstizio d’estate e al solstizio d’inverno, ma [...]
gabriella Angelini 1931 award
Document
Mario Venturini
Nel Calendario primordiale è incastonata la traccia di tutte le epoche precedenti sia per tradizione che per inerzia, perchè la sua sincronizzazione venne adeguata di volta in volta alle esigenze dei mille lavori di campagna ovvero agli usi dell’agricoltura e dell’allevamento ma anche, e forse sopratutto o prima di tutto, alle usanze dei cacciatori, così [...]
Giacinto Facchetti born 1942 in Treviglio
Document
Mario Venturini
La più antica numerazione rintracciabile nel nostro Calendario campestre ha due stagioni da 182+182 giorni più i 3 de La Mærla (giravolta o rotazione) al modo “lineare” portando i 364 giorni a ripartire dal primo dell’anno, salvo nell’anno bisestile quando il terzo giorno de La Mærla è invece l’ultimo dell’anno; in una epoca successiva, i [...]
taxi driver in Milano, roaring twenties
Document
Mario Venturini
Nel diagramma mostriamo la Data dei 51 Totem campestri affiancati nei quattro anni del differenziale bisestile, con la loro posizione su una specie di “astrolabio orizzontale” che presumiamo rotondo… sia per la Data degli àzimut e sia perchè alcune distanze tra un Totem e l’altro mostrano chiaramente l’uso pel pi-greco… una cosa che serve soltanto [...]
refuelling a motorcycle, year 1928 in Milano
Document
Mario Venturini
Posizione dei 51 Totem campestri sull’astrolabio orizzontale, nei quattro anni del differenziale bisestile, confrontando con tutti gli azimut del Sole all’orizzonte di alba e tramonto. Si noti che (a parte l’inverno) la posizione degli àzimut del Sole all’orizzonte di alba e tramonto si trova a pacchetti di cinque/sei Totem, collocati attorno a una Data che [...]
shipmaster Costanzo Colombini from Bernate Ticino towing his long barge out of Milano docks against the flow
Document
Mario Venturini
Posizione dei 51 Totem campestri ovvero festività tradizionali o ricorrenze sui 56 marcatori nel cerchio di un astrolabio orizzontale, durante il differenziale bisestile di quattro anni: è l’unico modo di assecondare il proverbio de La Merla, che dice 3+3 giorni “dati/restituiti” e cioè chiaramente “al di fuori” del conteggio pluriennale, costituito dai 13+13=26 cinquantaseiesimi tra [...]
twin cycle used during the last war 1939-1945 in Milan
Document
Mario Venturini
Confronto degli azimut all’orizzonte del sorgere della Luna e del Sole, da cui appare evidente come la misurazione della Luna sia inadatta per conservare la Data da un anno coll’altro ed inutile per sincronizzare equinozii e solstizii. Non è affidabile: non ripete mai nessuna Data tra due solstizii consecutivi alla distanza di 365/366 giorni. Al [...]
alpine mou-mou drawing by Franco Mosca
Document
Mario Venturini
Sono indicate le effemeridi per equinozii e solstizii tra l’anno 2009 ed il 2011 tipicamente valide per 2000/3000 anni all’interno del ciclo delle precessioni: uno zero teorico di longitudine si può considerare l’appuntamento del perielio con uno qualsasi dei 2+2 “nodi” annuali ripetendosi all’incirca ogni 5000/6000 anni. L’ultimo appuntamento è stato nel medioevo con il [...]
two wardens and two girls at the gate of an ancient church
Document
Mario Venturini
Diagramma per evidenziare la finzione delle “correzioni” di calendario eseguite dal Clero nell’anno 1582 e spacciate anche per l’anno 325 della nostra era volgare. Se c’è stato un disinteresse millenario per la sincronizzazione della Data solare, dipende dalla imposizione ed impostura del Calendario clericale, che non ha gli anni di 365/366 giorni ed imposto come [...]
Milano downtown in the roaring twenties
Document
Mario Venturini
Confronto della longitudine Terra/Sole con le festività o Totem del Calendario campestre e con il Calendario clericale di oggi, cosidetto moderno, fiscale o internazionale, secondo la presunta “correzione” dell’anno 1582 e con il Calendario Romano di Giulio Cesare, di Numa e di Veio precedente al Numa, con dieci mesi e la pausa invernale. Nel conto [...]
shepherdess and breeder Fernanda Regazzoni in Valtorta west of Brembana valley
Document
Mario Venturini
Ricognizione della distanza costante tra le festività campestri, identificate dai 51 Totem segnaposto, in cinquantasei giorni sincronizzati con la Data dei 2+2 equinozii e solstizii. Sono indicati tutti i cinquantaseiesimi più evidenti (13) i cinque tipi di prowerbis, i 27 Totem maschili e i 12+3 femminili, dividendo per nomi Romani, nomi clericali, nomi medioevali, nomi [...]
domodossola 1875
Document
Mario Venturini
Le più recenti istanze di eseguire una “protezione giuridica” della nostra lingua originale lombarda, nei modi conosciuti dal dialetto, sono state protocollate in alcuni Comuni per il dialetto milanese, ma regolarmente rifiutate nonostante la normativa dei loro stessi Regolamenti Municipali, ed anche ignorando il Testo Unico sugli Enti Locali, sempre in vigore, senza contare le [...]
Document
Mario Venturini
La più recente descrizione della meridiana, o dell’astrolabio fa lo stesso, con una pertica al centro che fa ombra (gnomòne) ed una serie di linee iperboliche per indicare la Data, con l’àzimut e l’altezza del Sole, la conosciamo dal greco Anassimandro che, per forza di cose, la osserva dalle tradizioni precedenti. Non la inventa, ma [...]
Document
Mario Venturini
L’istituzione sociale del Calendario Campestre è indissolubile dall’attività dell’agricoltura e dell’allevamento, che sono antichissime, ben più antiche della finzione “postglaciale” e della fantomatica “mezzaluna fertile” perchè Nicolai Vavilov ha dimostrato che l’origine delle piante coltivate è indipendente, in una ventina di siti attorno al mondo e al di sotto del 45° parallelo Nord, in una [...]
cisalpine paysan family at work in alpine landscape
Document
Mario Venturini
L’àzimut del Sole all’orizzonte di alba e tramonto e le effemeridi per equinozii & solstizii alle varie latitudini europee mostrano che i Totem segnaposto del nostro Calendario Campestre sono più facilmente sincronizzabili nel hinterland Alpino, tra il 43/44° ed il 46/47° parallelo Nord, centrando sul 45° che è il limite settentrionale massimo (in assoluto) di [...]
mister Bob Vavassori in Milan offer a coffe for a word of mailander dialect
Document
Mario Venturini
La differenza di valore tra una lingua e l’altra, come tra la lingua della burocrazia e la lingua del posto, la fanno solo i “politicastri” per conservare il potere più distante possibile dalla terra. Chiamano “lingua” il linguaggio della burocrazia e “dialetto” il linguaggio delle genti, perchè sono due parlate diverse, però negano che siano [...]
boys and girls in Milano 1959
Document
Mario Venturini
L’origine numerica del nostro Calendario Campestre si trova nel sistema duodecimale, ovvero per dodici e cioè in dodicesimi, ripetendo la distanza di 12+12 giorni attorno al solstizio d’inverno, misurandola tra il primo giorno di minimo azimut del Sole all’orizzonte di alba e tramonto, e l’ultimo giorno di minima altezza del Sole a mezdì, praticamente tra [...]
boys with a cow bell on alpine pasture
Document
Mario Venturini
Nel Calendario Campestre il conto dei giorni ha un ritmo “duodecimale” cioè per dodici o in dodicesimi, che si contano l’uno dietro l’altro e non in modo “addizionale” ma in modo “lineare” concatenandoli, con l’ultimo giorno dei dodici giorni che è anche il primo giorno dei successivi dodici. Così, contandone per cinque volte si ottengono [...]
classic mailander traffic warden in the sixties
Document
Mario Venturini
Traduzione delle pagine 18 e 21 sul riconoscimento legale ovvero giuridico delle lingue indigene cioè autòctone, a tutti i livelli, proposto da “global action plan of the international decade of indigenous languages” in inglese, e da “plan d’action mondial de la décennie internationale des langues autochtones” in francese, a cura della UNESCO illustrando i dieci [...]
phone station in Milano
Document
Mario Venturini
Traduzione della pagina 14 di “global action plan of the international decade of indigenous languages” dall’inglese, e di “plan d’action mondial de la décennie internationale des langues autochtones” dal francese, edito a cura della UNESCO illustrando i quattro interventi organizzati per il decennio dal 2022 al 2032 e cioè: (1) ottenere maggiore consapevolezza della diversità [...]
linguistic atlas of jaberg and jud
Document
Mario Venturini
Diamo copia delle mappe nel censimento linguistico ed etnografico di “Sprach und Sach Atlas italiens und der südschweiz” pubblicate dal 1928 al 1956 e poi usate nel 1977 per disegnare le isoglosse sulla Carta dei Dialetti a cura di Giovan Battista Pellegrini e Manlio Cortelazzo della Università di Padova, con un frammento della carta 1199 [...]
lumbard family in a rice field on a tow tractor
Document
Mario Venturini
Un dialetto indigeno è un modo o un metodo di parlare una lingua madre, non è una forma astratta di pensiero, ma un comportamento tipico di un gruppo sociale, che condivide con un gruppo etnico più vasto una maniera tipica di parlare: quindi è un modo o metodo che condivide con altri gruppi sociali (e [...]